TECNOLOGIE DENTISTICHE

Le Tecnologie dentistiche

Comfort, precisione e velocità

LASER ERBIO

LASER A DIODO

LASER ECLAIR

L-PRF

T-SCAN

CBCT-3D

MULTI-RADIOFREQUENZA

HI-FU VISO E CORPO

OSSIGENOTERAPIA

1. Laser Erbio

Cos’è

Il LASER (Light Amplification by Stimulated Emission of Radiation, amplificazione di luce attraverso emissione stimolata di radiazione) è una tecnologia all’avanguardia che viene impiegata in tutti i campi dell’odontoiatria apportando molti benefici per il paziente e anche per il medico. Ciò che distingue un laser da un altro è la lunghezza d’onda. Ad ogni lunghezza d’onda corrisponde un tessuto bersaglio. Nella nostra clinica utilizziamo il laser erbio-cromo per tessuti duri come lo smalto, la dentina e l’osso e il laser a diodo per i tessuti molli come le gengive.

Benefici dell’utilizzo del laser

  • Analgesia: in molti casi non è necessario l’uso di anestetici

  • Azione antiedema: riduce il gonfiore post-operatorio

  • Azione biostimolante: aumenta la ricrescita cellulare e aiuta i tessuti a rimarginarsi più velocemente

  • Decontaminazione: elimina e sterilizza tutti i batteri presenti sul tessuto trattato

  • Effetto antalgico: diminuisce la sensazione di dolore

  • Tempi di guarigione diminuiti grazie all’aumento di produzione di ATP endocellulare

  • Migliore comfort operatorio, assenza di vibrazioni e rumori tipici del trapano

  • Diminuzione della sensibilità postoperatoria

  • Selettività per i tessuti: è in grado di agire su un solo tessuto senza danneggiare quelli circostanti

  • Aumento dell’adesione da parte dei materiali di restauro

  • Assenza/diminuzione di Sanguinamento

Impiego e trattamenti

  • Rimozione carie senza l’uso di anestesia, nella maggior parte dei casi

  • Sterilizzazione dei solchi pre-sigillatura

  • Terapia parodontale non chirurgica Laser assistita

  • Frenulectomia senza l’uso di anestesia e senza punti di sutura, nella maggior parte dei casi

  • Gengivectomia senza l’uso di anestesia, nella maggior parte dei casi

  • Biostimolazione e acceleramento nella rigenerazione dei tessuti

  • Trattamento di afte, herpes e cheiliti

  • Trattamento per la ipersensibilità dentinale

  • Trattamento della patologia dell’articolazione temporo-mandibolare

2. Laser a Diodo

Cos’è

Il LASER (Light Amplification by Stimulated Emission of Radiation, amplificazione di luce attraverso emissione stimolata di radiazione) è una tecnologia all’avanguardia che viene impiegata in tutti i campi dell’odontoiatria apportando molti benefici per il paziente e anche per il medico. Ciò che distingue un laser da un altro è la lunghezza d’onda. Ad ogni lunghezza d’onda corrisponde un tessuto bersaglio. Nella nostra clinica utilizziamo il laser erbio-cromo per tessuti duri come lo smalto, la dentina e l’osso e il laser a diodo per i tessuti molli come le gengive.

Benefici dell’utilizzo del laser:

  • Analgesia: in molti casi non è necessario l’uso di anestetici
  • Azione antiedema: riduce il gonfiore post-operatorio

  • Azione biostimolante: aumenta la ricrescita cellulare e aiuta i tessuti a rimarginarsi più velocemente

  • Decontaminazione: elimina e sterilizza tutti i batteri presenti sul tessuto trattato

  • Effetto antalgico: diminuisce la sensazione di dolore

  • Tempi di guarigione diminuiti grazie all’aumento di produzione di ATP endocellulare

  • Migliore comfort operatorio, assenza di vibrazioni e rumori tipici del trapano

  • Diminuzione della sensibilità postoperatoria

  • Selettività per i tessuti: è in grado di agire su un solo tessuto senza danneggiare quelli circostanti

  • Aumento dell’adesione da parte dei materiali di restauro

  • Assenza/diminuzione di Sanguinamento

Impiego e trattamenti

  • Sterilizzazione dei solchi pre-sigillatura, nei bambini
  • Terapia parodontale non chirurgica Laser assistita
  • Endodonzia, decontaminazione dei canali radicolari
  • Sbiancamento Laser
  • Frenulectomia
  • Gengivectomia
  • Biostimolazione e acceleramento nella rigenerazione dei tessuti
  • Trattamento di afte, herpes e cheiliti
  • Trattamento di Emangiomi
  • Trattamento per la ipersensibilità dentinale
  • Trattamento delle recessioni gengivali
  • Depigmentazioni delle gengive
  • Trattamento della patologia dell’articolazione temporo-mandibolare

L’onda piana è un manipolo che viene utilizzato con il Laser a Diodo e ha la possibilità di emettere una quantità di energia ottimale e costante su una superficie di 1 cm2 per consentire una facile applicazione.

  • Mal di testa

  • Herpes

  • Sinusiti

  • Artriti

  • Artrosi

  • Nevralgia trigeminale

  • Disfunzioni articolazione temporomandibolare
  • Gomito del tennista

     

Molte altre condizioni dolorose possono essere curate in sicurezza e con estrema efficacia attraverso ripetuti cicli di applicazione nelle sedi di maggiore proiezione algica.

3. Laser Eclair

Di che cosa si tratta

Il Laser Eclair è un dispositivo medico per l’epilazione che si adatta a tutti i fenotipi di pelle e alle varie tipologie di pelo. Si tratta di un Laser a Diodo capace di trattare rapidamente ampie zone riducendo i tempi delle sedute rispetto alle metodiche tradizionali. I trattamenti di foto-epilazione si basano sul principio di foto-termolisi selettiva: l’energia fotonica (luce) viene assorbita dalla melanina del pelo inducendo il danneggiamento delle strutture riproduttive del follicolo. Il trattamento è indolore in quanto l’apparecchiatura è dotata di un sistema di raffreddamento cutaneo che ne permette l’utilizzo su qualsiasi distretto ad eccezione del contorno occhi e delle mucose.

 

Trattamenti

  • Peli superflui del viso

  • Peli superflui di spalle e schiena

  • Peli ascellari

  • Peli superflui del torace

  • Peli superflui delle braccia

  • Peli superflui delle gambe

  • Peli inguinali

Caratteristiche del trattamento

  • Indolore, grazie al raffreddamento interno del manipolo

  • Rapido, il tempo della seduta

  • Duraturo nel tempo, dopo alcune sedute ripetute sulla stessa zona il pelo non ricresce più

  • Sicuro, è un dispositivo non invasivo

  • Efficace, i risultati si notano già dalla prima seduta

4. L-PRF

Cos’è

L-PRF (Leukocyte-Platelet Rich Fibrin) ovvero, piastrina ricca di fibrina e leucociti, è un protocollo biologico che permette di avere una concentrazione di piastrine 5 volte superiore rispetto a quella che si trova normalmente nel sangue. Grazie all’induzione di un coaugulo, vengono rilasciati i fattori di crescita lentamente e gradualmente per più di una settimana, favorendo la cicatrizzazione dei tessuti molli, nonchè una più rapida guarigione ossea.

Come funziona

Il protocollo prevede che venga fatto un prelievo di sangue al paziente con un kit monouso. Successivamente la provetta monouso viene centrifugata in un’apposita centrifuga, che separa la parte rossa da quella bianca, concentrando tutti i fattori di crescita. Si tratta di un protocollo “chiuso” ovvero, senza manipolazione o aggiunta di additivi, certificato Medical Device, FDA (Food and Drug Administration), CE.

A cosa serve

Una volta terminata la centrifugazione, secondo i casi, è possibile realizzare delle membrane o innesti completamenti autologhi, derivati, cioè, dai tessuti del paziente stesso. L-PRF segue la filosofia della Natural Bone Regeneration, garantendo una ricrescita ossea completamenta naturale, evitando così, l’utilizzo di materiali sintetici o di derivazione animale e le conseguenti complicanze come infezioni e rigetti dell’innesto.

Quali sono i vantaggi

  • Semplice e veloce

  • Naturale – 100% autologo, senza aggiunta di additivi

  • Velocizza la guarigione dei tessuti molli e duri

  • Aumenta il comfort post-operatorio

  • Aiuta a diminuire il riassorbimento osseo

  • Ricco di Leucociti, Piastrine e Fibrina

  • Rilascio lento di fattori di crescita ≥ 14 giorni dal posizionamento

Impiego e trattamenti

  • Innesto in difetti ossei o gengivali (parodontite)

  • Innesto post-estrazione, per velocizzare i tempi di guarigione

  • Rialzo del seno mascellare

  • Difetti palatali

  • Atrofia dell’osso mascellare

  • Estetica del viso, per ringiovanire e dare lucentezza al viso

5. T-Scan

Di che cosa si tratta

Il T-SCAN è un sensore a tecnologia elettronica progettato in modo specifico per l’analisi occlusale. Si tratta di un sensore ultra-sottile, che collegato a un software, è capace di fornire tutte le informazioni necessarie per eseguire un’analisi dettagliata dell’occlusione.

 

Di che cosa si tratta

È un esame veloce, dove il paziente deve mordere il sensore, secondo le indicazioni dello specialista, e i valori ottenuti verranno immediatamente visualizzati attraverso un computer. Questa tecnologia ci permette di analizzare problemi occlusali che a loro volta causano problemi dell’articolazione temporo-mandibolare provocando dolori alla mandibola e contratture muscolari che impediscono la corretta apertura della bocca.

 

In quali ambiti dell’odontoiatria viene utilizzato

  • Protesi fissa e mobile

  • Protesi su impianti

  • Bilanciamento occlusale

  • Valutazione del tempo di disclusione

  • Valutazione delle problematiche dell’articolazione temporo-mandibolare

  • Diagnosi differenziale

  • Controllo dell’occlusione durante e post-trattamento ortodontico

6. CBCT 3D

Cos’è

La CBCT 3D (Cone Beam Computer Tomography), ovvero tomografia computerizata di fascio conico, viene utilizzata in odontoiatria per fare diagnosi accurate nei casi più complessi. Ci permette di avere una visione a 360* in 3 dimensioni delle ossa e denti del paziente. A livello odontoiatrico la CBCT è equiparabile ad una TAC medicale, però nel caso della CBCT la dose di radiazioni necessarie per acquisire un’immagine 3D è di gran lunga inferiore.

A cosa serve

Grazie all’utilizzo di questa tecnologia d’ultima generazione è possibile pianificare qualsiasi tipo di intervento con la massima precisione e senza doversi rivolgere ad una struttura ospedaliera o centro radiologico.

Quali tipi di esami si possono fare

La teleradiografia è un esame radiologico in 2D che ci permette di avere una visione laterale delle ossa del cranio e facciali. È molto utile in ambito pediatrico per monitorare la corretta crescita e sviluppo delle ossa nei bambini e in ortodonzia per poter pianificare correttamente il trattamento. Negli adulti è utile per diagnosticare scompensi o malocclusioni di tipo schelettrico.

7. Multi-Radiofrequenza

Di che cosa si tratta

È una tecnologia che contrasta i segni dell’invecchiamento cutaneo della pelle del corpo e del viso. Il dispositivo medico si basa su una metodica non-invasiva ed è dotato di un applicatore capace di innescare un aumento della temperatura, cosi stimolando la produzione di nuovo collagene. Ciò garantisce effetti rigenerativi fin dalla prima seduta.

 

Come funziona

  • Il trattamento è piacevole e indolore

  • La durata di ogni seduta varia dai 30 ai 40 minuti

  • Fin dalla prima seduta si noterà un rimodernamento e aumento della tonicità

  • I risultati durano nel tempo, anche quando i trattamenti saranno terminati

  • Viene utilizzato in fisioterapia per indurre un incremento della circolazione sanguigna e della vasodilatazione

Quali tipi di trattamenti si possono effettuare

  • RADIOFREQUENZA FRAZIONATA: Agisce selettivamente su un determinato distretto, con una modalità frazionata, che è capace di intervenire direttamente sull’epidermide con un’azione riparativa.

  • RADIOFREQUENZA INTRADERMICA: Si tratta di una tecnologia innovativa ed indolore che permette di agire al di sotto della ruga, dando un effetto di riempimento simile a quella di un filler, senza dover iniettare sostanze esogene.

  • ELETTROPORAZIONE: Questa modalità funziona grazie a un impulso elettromagnetico che fa assorbire un principio attivo senza l’uso di aghi, riuscendo a distribuire più efficacemente il principio e garantendo una maggior concentrazione sulle zone trattate.

  • RADIO-BISTURI: Questa tecnologia viene particolarmente indicata per eliminare iperpigmentazioni e inestetismi superficiali.

  • TECAR TERAPIA: Indicata per risolvere problemi fisioterapici, mirati alla riparazione dei tessuti muscolari. Diversamente da altre tecnologie fisioterapiche, l’energia viene stimolata direttamente dall’interno e non dall’esterno del muscolo.

In quali casi viene usata

Viene utilizzata per: acne, ipotonie muscolari, cellulite, rughe, micro-rughe, adiposità localizzate, smagliature, disidratazione, lassità, zampe di gallina, inestetismi cutanei.
In fisioterapia: sciatalgie, patologie osteo -articolari, legamentose, artrosi e lombalgie.

 

8. HI-FU Viso e corpo

Cos’è

Viene utilizzata per: acne, ipotonie muscolari, cellulite, rughe, micro-rughe, adiposità localizzate, smagliature, disidratazione, lassità, zampe di gallina, inestetismi cutanei.
In fisioterapia: sciatalgie, patologie osteo -articolari, legamentose, artrosi e lombalgie.

HI-FU è un dispositivo medicale che rappresenta una valida alternativa, non invasiva, al lifting chirurgico. L’apparecchiatura si basa principalmente su due tecnologie che sono, gli ultrasuoni focalizzati ad alta intensità e l’elettroporazione. Gli ultrasuoni agiscono direttamente sul derma profondo raggiungendo lo smas, ovvero la membrana che separa il derma dai fasci muscolari, così provocando un aumento della produzione di fibroblasti e collagene. Lo smas non si trova sempre alla stessa distanza nelle varie zone del viso o corpo, perciò è importante monitorare costantemente a che profondità è situato, grazie all’uso di un ecografo che ci consente di effettuare il trattamento in maniera sicura e controllata. L’elettroporazione aiuta a veicolare dei prodotti come l’acido ialuronico o biorevitalizzanti attraverso i vari strati delle pelle senza l’uso di aghi. Attraverso un impulso elettromagnetico la pelle è in grado di assorbire un principio attivo.

Quali tipi di trattamento si possono effettuare

  • Rughe della fronte

  • Rughe perioculari

  • Rughe labbiali

  • Pieghe naso-labbiali

  • Lassità della cute

  • Acne

  • Adiposità localizzate

  • Cellulite

  • Ipotonia Muscolare

In quali casi viene usata

Viene utilizzata per: acne, ipotonie muscolari, cellulite, rughe, micro-rughe, adiposità localizzate, smagliature, disidratazione, lassità, zampe di gallina, inestetismi cutanei.
In fisioterapia: sciatalgie, patologie osteo -articolari, legamentose, artrosi e lombalgie.

9. Ossigenoterapia

Di che cosa si tratta

L’ossigenoterapia è una tecnologia non invasiva e non dolorosa che, attraverso l’uso di ossigeno aumenta l’ossigenazione cellulare, che provoca un’accelerazione metabolica della cute e l’incremento dei processi di disintossicazione e rafforzamento delle difese delle pelle. Il dispositivo preleva l’aria dall’atmosfera separando l’ossigeno dagli altri componenti come azoto, anidride carbonica e lo porta ad una pressione superiore a quella atmosferica. La penna aerografica lo eroga sulla pelle migliorando il microcircolo e donando luminosità; con la stessa penna aerografica vengono veicolati gli specifici sieri nanotecnologici.

 

Quali tipi di trattamenti si possono fare

  • Ipotonia cutanea

  • Rughe

  • Acne

  • Invecchiamento cutaneo

  • Pelle impura

10. Sedazione cosciente

Cos’è

La sedazione cosciente o sedazione per inalazione, è una tecnica che produce al paziente una sensazione di rilassamento, grazie a una miscela di ossigeno e protossido d’azoto che viene inalata attraverso il naso. L’obbiettivo è quello di controllare la paura e l’ansia del paziente, che rimane cosciente e vigile durante tutto il trattamento.

Come funziona

Il protossido d’azoto è un gas non tossico, induce una leggera analgesia, ha un sapore leggermente dolce. L’utilizzo di questo gas provoca una sensazione di relax e piacere. È molto indicato per tutte quelle persone che soffrono di stress, ansia o paura del dentista.

Chi può utilizzare questa tecnologia

Viene utilizzato con pazienti di tutte le età, bambini, adolescenti, adulti e anziani. È molto utile nei pazienti che hanno paura del dentista, ansiosi, ipocondriaci, nervosi.
In fisioterapia: sciatalgie, patologie osteo -articolari, legamentose, artrosi e lombalgie.

Che cosa si prova durante la sedazione

Da una sensazione di benessere, rilassamento e tranquillità. Inizialmente si può notare un leggero formicolio alle mani e piedi, che svanisce lentamente non appena comincia a far effetto la miscela. Il paziente rimane cosciente, collaboratore e vigile durante tutto il trattamento.

Si può lavorare o guidare dopo la sedazione

Gli effetti del protossido d’azoto spariscono una volta terminato il trattamento, portando a zero la percentuale di protossido e al massimo quella d’ossigeno. Dopo 3-4 minuti di ossigeno l’effetto svanisce completamente e il paziente è in grado di guidare la sua macchina e andare al lavoro, senza alcun tipo di fastidio o nausea.

Le donne incinta possono sottoporsi alla sedazione

La sedazione cosciente è una procedura che si utilizza durante il parto, senza danni per la madre ne per il bambino. Si raccomanda di non sottoporsi alla sedazione durante il primo trimestre e di non fare uso di qualsiasi altro farmaco.

Prenota una visita

CHIAMA O SCRIVICI UNA EMAIL